24.2 C
Ravenna
9 Giugno 2023
Cultura

Pasquali e Angiolini, a Cesenatico un nuovo format della medicina estetica

Per un intero weekend la città di Cesenatico ha ospitato un progetto innovativo “made in Romagna” dedicato al mondo della bellezza.

Protagonisti della “feat” il chirurgo estetico Alessandro Pasquali ed il medico estetico Giovanni Angiolini, creatori del format “4HANDS-FULLFACE”, ovvero un trattamento a “quattro mani” altamente personalizzato del viso con le tecniche più innovative ed avanguardiste.

L’obiettivo del trattamento – nel rigoroso rispetto dell’individualità della paziente e dei suoi dettagli – non è soltanto quello di creare un’armonia dei volumi persi, ma di riportare indietro le lancette dell’orologio “indossando la propria età con stile”.

Il lavoro “a quattro mani”, impostato con la logica dello sharing, garantisce un effetto “wow” perché permette alla paziente di godere delle esperienze e del know-how professionale di due professionisti e di ricevere la miglior tecnica “distrettuale” con la logica del “to each his own”.

Il nuovo metodo estetico, infatti, parte da una premessa tanto semplice quanto preziosa: il medico più abile nelle labbra si occupa di quel distretto facciale, quello più abile nel profilo mandibolare si concentra su quel segmento del volto, e così via in modo da garantire – per ogni porzione del viso – il professionista più referenziato.

Inoltre, la combinazione fra due medici fa sì che ogni intervento non sia deciso dal gusto estetico del singolo, bensì in base al concetto di bellezza richiesto dalla paziente.

Nell’ambulatorio medico di via Squero, sul porto canale di Cesenatico, si sono sottoposte a questa “full immersione” estetica le prime venti pazienti ma, a grande richiesta, la giornata verrà replicata quanto prima.

Visto il successo del format, infatti, l’iniziativa diventerà presto anche un tour con un calendario itinerante che toccherà le cliniche della bellezza più importanti d’Italia: “E’ stato un evento fantastico – spiega il dottor Alessandro Pasquali – l’unico rimpianto è stato quello di dover dire no a tante pazienti che avrebbero voluto sottoporsi a questo trattamento. Si tratta di un metodo del tutto innovativo ed è bellissimo che questo nuovo concept della medicina estetica sia nato proprio in Romagna”.

Post correlati

La scrittrice Azora Rais si racconta nei viaggi

Giulio Strocchi

Cultura, l’Europa dà la pagella a Perugia: buona vivacità

Giulio Strocchi

Terramater, un disco sospeso tra modernità e tradizione

Gino Morabito
Caricamento in corso...
WordPress Cookie Plugin by Real Cookie Banner