0.4 C
Ravenna
31 Gennaio 2023
Interviste

Giuseppe Di Giorgio intervistato da Marianna Pignatelli

Giuseppe Di Giorgio intervistato da Marianna Pignatelli

Conosciamo meglio Giuseppe Di Giorgio attraverso quest’intervista

Vorremmo conoscerti meglio… Ci parli di te?

Mi chiamo Giuseppe Di Giorgio

Ho 43 anni, sono una persona solare e creativa, amo stare in compagnia

Comunicare e fare arte è la mia più grande passione, perché penso che l’arte non si compra e non si vende..

Si crea respirandola e trasferendola ad ogni singolo conoscente.

Mi ritengo una persona semplice, umile ed altruista.

La fede fa parte della mia esistenza, per me la preghiera per la fede è come l’aria per la vita: pensate per un attimo a non poter respirare.

Sono nato in Sicilia, in un piccolo paesino chiamato Cerda, provincia di Palermo, situato ai piedi delle madonie, dopo la prematura scomparsa di mio fratello Giuseppe avvenuta all’età di 10 anni a causa di una folgorazione.

Sono andato via alla tenera età di 14 anni ma non ho mai dimenticato le mie origini e ad ogni occasione cerco sempre di ricordare da dove vengo.

Quale lavoro svolgi?

Attualmente faccio l’attore, il regista ed il produttore cinematografico.

Ho esperienza come sceneggiatore e scenografo.

Ho avuto anche modo di mettere in pratica il tutto grazie alla realizzazione dei miei ultimi 5 film: La Giusta Scelta 2015, La Scelta Impossibile 2018, Stem Cell 2020, Finalmente Libera 2021 e l’ultimo Tenebra questa è la mia vendetta 2022.

Ti piace o avresti voluto fare altro nella vita?

Sono cresciuto nel mondo dello spettacolo, partendo come indossatore professionista per poi passare alla TV, al teatro ed infine al cinema.

Da piccolo ho sempre giocato a calcio e all’età di 14 anni venni notato dall’ex calciatore Pierino Prati che dopo un provino a Marsala (TP) mi convocò a Milano per inserirmi nelle giovanili del Milan.

In quegni anni il mio sogno era quello di fare il calciatore, ma a causa dell’assenza di una famiglia che mi sostenesse e supportasse non ho avuto la possibilità di proseguire pur avendo, sulla base delle dichiarazioni fatte dello stesso Prati, tutte le carte in regola per farcela nel settore calcistico.

Per me fu una vera batosta a livello psicologico, ma grazie a Dio sono riuscito a superare quei momenti.

Comunque penso che ognuno di noi abbia il suo destino, credo ci sia un disegno già fatto, dobbiamo solo attendere ed accettare cosa ci è stato riservato e viverlo nel momento in cui si presenti.

Bisogna sempre accettare cosa ci offre la vita e non chiedere cosa vorremmo che ci venisse dato, questa è la mia filosofia di vita.

Altri tuoi interessi?

Sono appassionato di cinema, soprattutto quelli di una volta.

Sono legatissimo alla coppia Franchi/Ingrassia.

Possiedo tantissimo materiale del duo comico e conosco i figli Giampiero Ingrassia e Massimo Benenato, con quest’ultimo ho un rapporto bellissimo che va oltre alla semplice amicizia.

Ritengo che Massimo sia come un fratello per me.

Pratichi uno sport?

Ho sempre praticato sport. Oltre al calcio ho fatto nuoto e fitness. Mi piace restare in forma con il passare degli anni anche se ultimamente ho veramente poco tempo per allenarmi.

A cosa stai lavorando attualmente?

Attualmente sto seguendo la distribuzione del mio ultimo film “Tenebra questa è la mia vendetta”. Ci saranno tantissime serate evento alle quali presenzierò per incontrare il pubblico.

Da poco mi sono stati ceduti i diritti cinematografici di un libro dal quale mi ispirerò per girare il mio prossimo film, principalmente nella città di Bologna, con un’altra tematica interessante e molto attuale.

Progetti per il futuro?

Oltre a realizzare il film che ti ho appena detto farò una serie tv la cui puntata pilota è visibile sulle piattaforme Netflix e Prime Video dal titolo “La Scelta Impossibile”.

Sogni nel cassetto?

Già il fatto di poter possedere un cassetto nel quale depositare i propri sogni è un vero successo.

Ho soltanto un grande desidero: un giorno vorrei poter dire che in Italia esiste lo spazio per attori e registi bravi ma emergenti e meno conosciuti di altri così da poter confermare che l’arte non si fa con i soldi, con le raccomandazioni, con i compromessi o altro bensì con lo studio, la passione la dedizione e tanta professionalità.

In bocca al lupo !

https://www.facebook.com/digiorgiogiuseppe/

Per vedere altri articoli cliccare nel link

Post correlati

Ally Joyce intervistata da LorenzoSpeed* per International Blog

Lorenzo Speed

Intervista Azora Rais Miraflores Press

Giulio Strocchi

Intervista all’inkfluencer Kevin Sacchi di Crema

Giulio Strocchi
Caricamento in corso...